SMART WORKING E IMPATTO SU DIPENDENTI E COLLABORATORI

Vogliamo partire da queste frasi tratte da un interessante articolo apparso su Corriere.it il 16 maggio 2021 per cercare di fare il punto della situazione di quanto abbiamo potuto osservare insieme alle aziende con cui abbiamo collaborato in questi mesi per organizzare eventi formativi e motivazionali, con l’intento proprio di superare le distanze imposte dalla pandemia e mantenere la giusta creatività e produttività.

«Abbiamo cominciato a lavorare per obiettivi — racconta Luca Giustiniani, professore di Organizzazione aziendale all’Università Luiss di Roma — . Un trend che dovrebbe continuare in futuro, non occorre seguire un orario preciso e timbrare un cartellino. Ci siamo accorti che tante attività e riunioni si possono fare da remoto e si possono evitare trasferte frequenti». Siamo diventati anche selettivi nella scelta di quello che interessa o meno.

[…]

Come ripensare gli spazi e i processi di lavoro?«Bisogna sicuramente ripensare l’attività lavorativa a 360°. Per esempio ci siamo accorti che per stimolare la creatività è importante incontrarsi e quindi le aziende dovranno pensare a uno spazio dedicato», continua Giustiniani della Luiss. Importante sarà anche abituarsi al concetto di autonomia che potrebbe essere motivo di disorientamento o ansia per i dipendenti. Anche per questo i manager si sono dovuti attrezzare per «gestire a distanza i loro dipendenti», sottolinea Giustiniani.

In effetti, come evidenziato dall’articolo, i problemi più comuni che HR e Responsabili dei Team di lavoro ci segnalato ogni giorno sono:

  • La necessità da parte delle persone di imparare a lavorare per obiettivi. Orientamento al Risultato.  
  • La capacità di assumere scelte autonome, conoscendo in modo corretto e completo la strategia e i confini entro cui prendere le decisioni. Allineamento e informazione complete.
  • La gestione dell’ansia data dall’isolamento e dalla difficoltà a “separare” lavoro da vita personale. Dissonanze cognitive
  • La crescente difficoltà di performance all’interno di un ambiente domestico non adatto alla concentrazione e non ergonomico. Workplace Management

Situazioni a cui, come consulenti per la formazione e costruzione di progetti motivazionali, possiamo dare risposte collaborando con le aziende e i team dedicati alla gestione delle risorse umane, attraverso l’uso di strategie di gioco (gamification), progetti di team building in presenza, da remoto o in forma ibrida.

Un approccio formativo che abbiamo pensato di dedicare anche ai responsabili dei team di lavoro, a partire dal mese di giugno 2021, con il primo corso online.

In collaborazione con Stefano Pace abbiamo infatti organizzato un corso online dal titolo Vincere le Dissonanze Cognitive: ritrovare il benessere in smartworking  10 giugno dalle 14:00 alle 18:00

Per saperne di più https://eventi-aziendali-milano.it/attivit%C3%A0/dissonanze-cognitive/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...